Recupero dati San EMC CLARiiON CX3-20 composto da 15 HD

Recupero dati EMC CX 3-20 by Infolab data

EMC è leader mondiale nelle tecnologie di storage. In particolare la serie CLARiiON è un esempio di un prodotto di successo, tuttora in uso presso moltissimi data center.

La serie CLARiiON è famosa per la sua capacità di gestire i dischi raid multipli, combinando LUN e MATALUN. Questo pero’ rende il recupero dei dati più complesso rispetto ad altri storage SAN

Chiunque desiderasse approfondire l’argomento, suggeriamo il seguente LINK.

A noi in particolare è capitato uno sfortunato cliente con il sistema EMC CLARiiON CX3-20, configurato con 15 dischi da 500 GB uno. Si era già rivolto a diversi centri di recupero dati ma purtroppo nessuno è riuscito ad affrontare il lavoro. Molti si sono fermati all’inizio, non riuscendo neanche a leggere i singoli dischi della EMC. In effetti il disco dello storage non è leggibile da un normale PC per via di modalità proprietaria con cui la macchina scrive i dischi, con lo scopo di garantire maggiore sicurezza dello storage ed eliminando la cosiddetta “silent raid corruption”.

Configurazione originale dello storage:

  1. I singoli dischi sono stati raggruppati in gruppi da 5 HDD formando 3 RAID 5;
  2. Raggruppando i singoli RAID è stato generato il LUN;
  3. I LUN a sua volta sono stati combinati in un METALUN finale di 5TB.

 

Il sistema veniva usato come storage di dati e lo spazio offerto agli utenti si presentava come un unico disco di rete delle stesse dimensioni della METALUN.

Osservando lo schema di configurazione vediamo come un primo RAID 5 composto di 5 HDD era indipendente (LUN0). Altri due RAID 5 sempre da 5 dischi formavano insieme una Componet LUN tramite stripe - RAID 0 dei LUN 1 e LUN2.

In sostanza le due LUN sono state unite in RAID 0 per formare un RAID 50.

La METALUN Finale LUN 0 FC è stata creata concatenando Component 0 e Component 1(JBOD).

In effetti la capacita del disco visto dagli utenti era di 5502 GB, ottenuti con la concatenazione di:

  • Component 0:  (LUN0: 1°RAID5)     di 1.834GB;

  • Component 1: RAID 0 (LUN1: 2°RAID5  -  LUN2:3°RAID5)      di  2*1.834GB

 

 

 

Il recupero dati doveva ovviamente tenere conto di queste particolarità quindi dopo aver risolto i problemi dei singoli dischi (che hanno provocato il fallimento dello storage) abbiamo affrontato la fase di ricostruzione del raid. Abbiamo deciso di lavorare solo tramite i software specialistici e di affrontate la ricostruzione a mano.

Ricostruire un sistema che adopera quasi tutte le tecnologie note (RAID 5, RAID 0, JBOD) non è semplice. Abbiamo lavorato molto con l’editor esadecimale per verificare i parametri del raid ed i vari offset. Il risultato finale lo possiamo vedere nell’immagine ripresa dal software di recupero dati.

Vediamo la lista di 15 HDD, RAID A è il primo RAID 5. RAID B e RAID C sono due RAID 5 successivamente uniti in RAID 50.

JBOD BIG FINAL è il raid finale ottenuto con la concatenazione del RAID A e il RAID 50, dal quale abbiamo estratto i dati.

Siamo fieri di questo successo, consapevoli che il recupero dati dallo storage EMC è fuori portata per molti dei nostri concorrenti.